Saponificazione

La saponificazione è una reazione di idrolisi effettuata su un estere in ambiente basico. Infatti come mostrato sotto, viene fatta avvenire utilizzando come reagente una base forte come l’idrossido di sodio o di potassio.

Si parla di saponificazione quando l’estere di partenza ha un peso molecolare relativamente elevato, con una catena di almeno 12 atomi di carbonio.

Il nome saponificazione deriva dal fatto che questa reazione porta alla formazione del sapone di uso comune.

Gli esteri sono sostanze organiche formate da due radicali organici legati dal gruppo funzionale [-O-C=O-]. Nel caso della preparazione del comune sapone, si parte dai trigliceridi di acidi grassi presenti in grassi animali, come il sego bovino, o olii vegetali come l’olio di oliva.
La reazione che avviene in questo caso è descritta dallo schema seguente:

saponificazione

In cui vediamo a sinistra la struttura dell’estere formato dal glicerolo (detto anche glicerina) più i radicali “R” dell’acido grasso. Nel caso dell’olio di oliva questo radicale potrebbe essere quello dell’acido oleico CH3(CH2)7CH=CH(CH2)7COOH di cui l’olio di oliva è costituito per buona parte.

Il risultato della reazione è glicerolo più il sale dell’acido grasso considerato che nell’esempio, avendo usato idrossido di sodio nei reagenti (NaOH) sarà un sale di sodio.