InSight

Scienza e Tecnologia nella vita di tutti i giorni

Un mondo di plastica…

I materiali: PP (polipropilene)

Il polipropilene commercialmente utilizzabile nasce in Italia, grazie al contributo del prof. Giulio Natta il quale venne insignito del premio Nobel nel 1963 per la scoperta dei catalizzatori stereospecifici per la polimerizzazione.
L’utilizzo di questi catalizzatori permette di controllare la disposizione spaziale dei monomeri durante la reazione di polimerizzazione e nel caso in esame permette la creazione del polipropilene isotattico.

polipropilene

Come si può vedere dall’immagine, il monomero del propilene ha un gruppo metilico [-CH3] che può trovarsi in posizione relativa diversa rispetto ai gruppi metilici dei monomeri adiacenti.

Possiamo avere essenzialmente due casi:

il polipropilene atattico, in cui i gruppi CH3 sono disposti a caso lungo la catena

e il polipropilene isotattico, incui i gruppi CH3 sono disposti ordinatamente tutti dallo stesso lato

Delle due versioni, il polipropilene isotattico è quello che ha le proprietà meccaniche più favorevoli ed è proprio il catalizzatore stereospecifico di Natta che permette che la polimerizzazione avvenga selettivamente in questa forma.

Il polipropilene così formato venne commercializzato dalla Montecatini col nome di Moplen ed è ancor oggi uno dei polimeri più utilizzato per diverse suppellettili domestiche.

Infatti il polipropilene ha una resistenza alla temperatura superiore al polietilene, raggiungendo i 160°C. Per questo motivo è utilizzato per realizzare stoviglie e contenitori per alimenti che possono essere lavati nella lavastoviglie. Essendo facile da lavare e non assorbendo l’acqua viene utilizzato come rivestimento per esterni e mobili da giardino. Inoltre il PP può essere trasformato in fibra e come tale è utilizzato per realizzare tappeti e moquettes.
Di seguito qualche immmagine di oggetti di realizzati in polipropilene.

3 Comments

    • SteP

      19 Dicembre 2012 at 17:22

      Ciao Danilo,
      benvenuto su InSight. Ti farà piacere sapere che il tuo è il primo commento in assoluto di questo blog!
      Spero di rileggerti presto.

      Stefano

  1. Come sempre più unico che raro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

© 2022 InSight

Basato su un tema originale di Anders NorenTorna Su ↑